Arbitrato Lavoro
Arbitrato Lavoro per le controversie nei rapporti di lavoro
02/03/2020

IN AFFIANCAMENTO PER FAVORIRE RICAMBIO E INNOVAZIONE | ITALIAOGGI

IL CONTRATTO INTRODOTTO DALLA LEGGE 205/2017.

Uno strumento per favorire il cambio generazionale e apportare innovazione nel mondo delle aziende agricole. Con questi obiettivi è stato introdotto il contratto di affiancamento: per il triennio 2018-2020, per i giovani di età compre­ sa tra i 18 e i 40 anni in possesso di determinati requisiti, è possibile sotto­scrivere il contratto di affiancamento, da stipularsi con imprenditori agricoli o coltivatori diretti, di età superiore a 65 anni opensionati.

 

A disciplinarequesta tipologia di contratto è la Legge205/2017 all'art.1, commi 119 e 120. I destinata ri della normativa sono, da un lato, gli imprenditori agricoli ex art.2135 c.c. e i coltivatori diretti di età superiore ai 65 anni o pensionati (con pensione erogata dalla gestione agricola Inps) e, dall'altro lato, i giovani, di età compresa tra i 18 e i 40 anni, anche organizzati in forma associativa, che non siano titolari del diritto di proprietà o di diritti reali di godimento su terreni agricoli. L'impren­ditore agricolo agirà da «tutor» trasferendo le proprie competenze, in materia di coltivazione di fondi, selvicoltura, al­ levamenti di animali e attività connesse ecc., al giovane imprenditore che, a sua volta, si impegnerà a contribuire atti ­ vamente alla gestione, anche manuale, dell'impresa, d'intesa con il titolare.

Al contratto, stipulato secondo le formu­le standard, dovrà essere allegato un piano aziendale presentato all'Istituto dei Servizi per il Mercato Agricolo Ali­mentare (Ismea).

In tale piano, è possibile prevedere l'introduzione miglioramenti fondiari, realizzabili anche in deroga alla norma­tiva vigente, nonché la possibilità per il giovane imprenditore di apportare innovazioni tecniche e gestionali, utili all'impresa. Come intuibile, il contratto di affiancamento, per sua stessa natura, non può essere a tempo indeterminato, ma deve avere una durata prestabili ta che non può essere superiore a tre anni.
Il giovane imprenditore, in tale periodo, viene equiparato, a ogni fine ed effet­to di legge, all'imprenditore agricolo e avrà diritto alla ripartizione degli utili di impresa,in una misura compresa tra il 30 e il 50%.

Un ulteriore elemento qualificante del contratto è la disciplina del suo scioglimento anticipato che dovrà essere necessariamente prevista per iscritto, unitamente alla conseguente remunerazione determinata in base delle casi­stiche e delle cause di scioglimento che saranno individuate.
Ulteriori clausole, accessorie e mera­mente eventuali, potrebbero essere ap poste al fine di disciplinare, ad esempio, il subentro del giovane imprenditore nella gestione generale dell'azienda.

La legge, inoltre, in caso di vendita dell'impresa agricola, stabilisce un di­ritto di prelazione, secondo la discipli­na della prelazione agraria, in favore del giovane imprenditore, per i sei mesi successivi alla conclusione del contratto. La ratio della normativa appare evidente ed è quella di favorire lo scambio delle informazioni e la qualificazione dell'impresa agricola, attraverso non solo il trasferimento delle competenze ed esperienze dal tutor al giovane imprenditore, ma anche attraverso un procedimento di modernizzazionee attualizzazione, anche dal punto di vista tecnologico, che può essere sicuramente favorito dall'ingresso dei giovani nel mondo agricolo.

Il contratto di affiancamento, oltre ad essere una opportunità pergli agricol­tori più maturi di non vedere chiusa la propria attività già ben avviata, può anche essere l'occasione per un giova ne libero professionistadi scegliere un percorso che lo porti a gestire in auto­nomia un'impresa agricola già avvia­ta, avvalendosi del tutoraggio di un agricoltore esperto che può trasferire informazioni ed esperienze dell'azienda stessa.

Mario Fusani

 

SCARICA IL PDF

 

MAGGIORI INFORMAZIONI SU QUESTO TEMA
I nostri contributi hanno lo scopo di informare e fornire aggiornamenti, ad aziende ed associazioni, per comprendere ed affrontare i cambiamenti del mondo del lavoro e societario.
Ogni tema merita di essere affrontato e approfondito tenendo conto delle esigenze di ogni singola realtà aziendale.
Per questo motivo ci rendiamo disponibili a fornire maggiori informazioni sui temi trattati.
CONTATTACI

Se desideri semplicemente restare aggiornato sui temi del diritto del lavoro e sindacale, diritto commerciale e societario 
Seguici sui nostri canali Social  Linkedin | Twitter
Iscriviti alla Newsletter qui

 

 

@RIPRODUZIONE RISERVATA - IN AFFIANCAMENTO PER FAVORIRE RICAMBIO E INNOVAZIONE  -  articolo dell' Avv. Mario Fusani - GF Legal - pubblicato su ItaliaOggi