14/05/2019

RASSEGNA WEB
Logo EconomyMag 
 

CONTRATTI PIRATA: PER GF LEGAL SERVE UN CODICE UNICO DEL CCNL

Lo studio chiede una nuova normativa per impedire pratiche sleali nelle gare d’appalto.

 

È stato annunciato in Aula al Senato il disegno di legge S.1232 del Consiglio Nazionale dell’Economia e del Lavoro (CNEL) per la creazione di un codice unico dei contratti collettivi nazionali di lavoro (CCNL) da realizzare in collaborazione con INPS.

Il ddl, presentato ai sensi dell’art. 99, comma 3, della Costituzione, approvato dall’Assemblea del CNEL nella seduta del 27 marzo 2019, relatore il consigliere Michele Faioli, “definisce il codice unico di identificazione dei contratti e degli accordi collettivi di lavoro nazionali depositati e archiviati, attribuendo una sequenza alfanumerica a ciascun contratto o accordo collettivo - recita il testo. - Il codice CCNL è altresì inserito dall’INPS nella disciplina relativa alla compilazione digitale dei flussi delle denunce retributive e contributive individuali mensili, con relativo obbligo del datore di lavoro di indicare per ciascuna posizione professionale il codice CCNL riferibile al contratto o accordo collettivo applicato”.

Vai al link dell'articolo

Leggi tutto
09/05/2019

RASSEGNA WEB
logo Diritto24 Il Sole 24 ore 
 

EQUO PREMIO AL DIPENDENTE - LE INVENZIONI DEL LAVORATORE SUL LUOGO DI LAVORO

Le creazioni intellettuali nei rapporti di lavoro, le tipologie di invenzione, il compenso e le risoluzioni in arbitrato in caso di contenzioso.

L'approfondimento dell'avvocato socio fondatore di GF Legal Mario Fusani, giuslavorista e arbitro in diritto del lavoro.

Il lavoratore, con il suo apporto umano nello svolgimento delle regolari attività lavorative, può contribuire alla produzione e alla creazione di un nuovo prodotto innovativo o svolgere un'attività che scaturisce in una nuova invenzione.
In questi casi è giusto domandarsi se, e nel caso come, è opportuno riconoscere al lavoratore dipendente un compenso, o più correttamente in riferimento al caso in questione, un equo premio.

Leggi tutto
26/04/2019

RASSEGNA WEB
Logo CorCom OK 
 

GIG ECONOMY, DALL'EUROPA SPRINT AI DIRITTI SOCIALI

La direttiva approvata dal Parlamento Ue stabilisce nuove tutele per i lavoratori delle piattaforme. L’analisi di Mario Fusani, avvocato giuslavorista – GF Legal
 

ll 16 aprile il Parlamento Europeo ha approvato la direttiva che prevede nuovi diritti per i rapporti di lavoro atipici, con particolare riferimento ai lavoratori della Gig Economy.
Trattandosi di una direttiva, gli Stati membri saranno vincolati al raggiungimento degli obbiettivi ivi previsti entro tre anni dall’entrata in vigore della stessa.
Lo scopo della direttiva è quello di promuovere una occupazione trasparente e prevedibile, stabilendo alcuni dei diritti minimi garantiti alla maggior parte dei lavoratori dell’Unione Europea, prestando maggiore attenzione ai nuovi lavoratori della gig economy.

Vai al link dell'articolo

Leggi tutto
Aprile 2019
 

Rubrica "Diritto&Lavoro"

logo enologo

Rivista ufficiale di Assoenologi

 

 

Il Regolamento UE 679 del 27 aprile 2016 direttamente applicabile da maggio 2018, rappresenta il tentativo di bilanciare progresso economico e sociale con l’esigenza di garantire uno spazio di libertà sicurezza e giustizia.
In tal senso, è interessante dapprima esaminare alcuni dei principi cardine di tale Regolamento per poi vedere quale impatto la tutela dei dati può avere nell’ambito dei rapporti di lavoro sotto diversi profili, esaminando aspetti che vanno oltre il tema dei controlli a distanza disciplinato dall’art. 4 della Legge 300 del 1970.

Vai al pdf dell'articolo.

Leggi tutto