LA RILEVANZA DI UNA CONDANNA PENALE AI FINI DI UNA TEMPESTIVA CONTESTAZIONE DISCIPLINARE ANCHE SE DIFFERITA NEL TEMPO

E' di rilevante interesse la sentenza n. 2284 del 2017, pronunciata dal Tribunale di Milano, Sezione Lavoro, lo scorso 8 settembre, con la quale è stata accertata la legittimità di un licenziamento a seguito di una contestazione disciplinare adottata a circa quattro/tre anni e mezzo di distanza dalla commissione dei singoli addebiti.
A fondamento della ritenuta tempestività del licenziamento, il Giudice, ha osservato come per autorevole Giurisprudenza, in tema di procedimento disciplinare, ai fini dell'accertamento della sussistenza del requisito della tempestività della contestazione, in caso di intervenuta sospensione cautelare di un lavoratore sottoposto a procedimento penale, la contestazione disciplinare per i relativi fatti ben può essere differita dal datore di lavoro in relazione alla pendenza del procedimento penale stesso, anche in ragione delle esigenze di tutela del segreto istruttorio
Altro

Conciliazione vita-lavoro: istruzioni per lo sgravio contributivo

Con la Circolare n. 163/2017, l´INPS ha reso note le modalità applicative per fruire dello sgravio contributivo previsto dal decreto interministeriale del 12 settembre 2017. Si tratta di un beneficio stabilito a favore dei datori di lavoro che stipulino contratti collettivi aziendali, contenenti misure volte a favorire la conciliazione tra la vita lavorativa e le esigenze private dei lavoratori.
Altro

Accordo di prossimità, ex art. 8 d.l. 138/2011: legittima la deroga all’orario di lavoro e la rende opponibile a tutti i lavoratori

Tribunale di Grosseto, Sez. Lavoro, n. 203/2017 del 12/09/2017

Il datore di lavoro e le parti sociali, di concerto e in applicazione di quanto previsto dall'art. 8 D.L. 138/2011, convertito in L. 148/2011, ossia dei requisiti soggettivi, oggettivi e finalistici ivi disciplinati, possono derogare alla normativa in materia di orario di lavoro.
Tale deroga, se attuata nel rispetto della normativa, sarà pienamente legittima, ed opponibile nei confronti di tutti il lavoratori operanti in azienda,

Altro